venerdì 8 maggio 2009

Il negro



Riporto dal blog di Claudio Caprara. Un decennale, pensa te. Tra Beppe, Claudio, e io: uno fa una televsione a Roma, uno sta in ambasciata a Pechino, l'ultimo cazzeggia in Spagna. Nella foto, Claudio, Ian Jacobs, e moi-même.

Il mio unico rimpianto personale, in questa lunga traiettoria del Paese, è che io, come "negro", avevo un futuro.


"Dentro la "sfera telematica" c’è una parte importante del nostro futuro. Non è facile leggerlo, anche per chi – e non siamo noi – abbia dimestichezza con le sfere di cristallo. Spesso le previsioni degli esperti si avverano al contrario nel giro di pochi anni, ma sappiamo che dentro questa sfera noi, oggi, vediamo delle nuove opportunità, delle opportunità che la società - il mondo produttivo, il mondo della ricerca – deve trovare il coraggio, il carattere, la forza per realizzare e mettere al servizio del Paese. Delle opportunità che potremo cogliere per crescere e per divenire più prosperi. Delle opportunità che dovremo cogliere per fare navigare il nostro Paese in questo nuovo mondo. Io dico, allora, che questo governo sa che nella Società dell'Informazione sta il progetto di modernizzazione dell'Italia. Noi sappiamo - non cambieremo idea né domani, né dopodomani - che la modernizzazione del Paese è il nostro progetto per l'Italia. E’ un bel progetto, è un progetto affascinante. E’ un progetto che vi invitiamo a trovare il coraggio di condividere con noi, perché è l'unico ad essere all'altezza del nostro tempo, delle nostre tradizioni e di una classe dirigente che si voglia considerare tale. Noi siamo convinti che questo Paese disponga del carattere della forza morale, dell'intelligenza per continuare con successo la navigazione."

Il testo del discorso. (Siti Archoelogici della Presidenza del Consiglio)


* * *

Tanti anni fa, quest'anno festeggiamo il decimo anniversario, c'era un gruppo di persone messe insieme da Beppe Rao, uno dei migliori dirigenti generali dello Stato che ci sono in Italia, che cercava di trovare la strada migliore per rendere il nostro Paese più moderno ed efficiente. Quel lavoro fu lungo, faticoso e - secondo me - molto importante. In uno degli appuntamenti di questo percorso partecipò l'allora Presidente del Consiglio, Massimo D'Alema e fece l'intervento che ha ritrovato il mio amico Lucio Picci sul dominio "siti archologici". Su internet c'è proprio tutto... Lucio lavorò a quel discorso e - se qualcuno avrà la pazienza di leggerlo - si accorgerà che a 10 anni di distanza, tante cose mantengono un notevole interesse. Certamente è il miglior discorso che un Presidente del Consiglio italiano abbia fatto a proposito di "società dell'informazione".


Il Senso Di D'Alema Per L'Innovazione, blog di Claudio Caprara.

2 commenti:

  1. No, dai, un futuro ce l'hai ancora. Di "negri" ci sarà sempre bisogno.
    A meno che la difficoltà non stia nel trovare un "signore" per cui esserlo.

    RispondiElimina
  2. Cogli nel segno caro Rudi, io sarei felice di servire, ma i tempi sono cosi cupi che si fa fatica anche a trovare un padrone ;)

    un abbraccio

    Lucio

    RispondiElimina