mercoledì 6 febbraio 2008

The econometrician is in

kljds "At the beginning of the 197Os, Kramer (1971) wrote an influential paper on voting behavior, which concluded that votes depend on economic events in the year of the election.


My interest in this topic was piqued when Orley Ashenfelter in June 1971 used a Kramer-type equation and my then current prediction of the 1972 growth rate of real output to predict that Nixon would win the U.S. presidential election with a little over 60 percent of the vote. Nixon actually received 61.8 percent."


Così, 12 anni fa, Ray Fair sul suo modello per prevedere l'esito delle presidenziali negli Stati Uniti.


Ora che il supermartedì ha terminato di eccitare gli animi, è opportuno che gli econometrici veri - persone che  non ballano ne' piangono mai - prendano la scena.


Ecco le le ultime previsioni. Coi numeri attuali, e usando per i primi tre trimestri del 2008 una crescita del reddito procapite dell' 1.8% su base annua, i democratici vincono col 52%.


Basta cambiare i numeri per considerare diversi scenari. Solo con una crescita nei primi tre trimestri del 5% (che è impossibile) il modello consegna la vittoria ai repubblicani.


Se la previsione non dovesse essere azzeccata, sarà uno di quei casi in cui la realtà, ostinatamente, si rifiuta di adattarsi al modello

3 commenti:

  1. Molto bene. Bravi, bravi cari econometristi/centometristi. Ma non è che questi modelli statistici input/output funzionano molto bene in calibrazione ed un "cicinin" meno bene in validazione? Potremmo dire che Ashenfelter ha avuto un gran culo, oppure il modello ha previsto le elezioni di tutti i presidenti (ma mi accontenterei dell'80%) dal 1970 ad oggi?

    RispondiElimina
  2. I veri econometrici tendono ad essere violenti quando gli si rivolgono troppe critiche, o forse anche poche

    RispondiElimina
  3. utente anonimo7 febbraio 2008 16:54

    Ecco un altro modello, questa volta fatto da un geofisico che di solito predice i terremoti - con esito molto dibattuto. Ho visto un suo talk su questa cosa delle elezioni e a me e' sembrato convincente. C'e' una versione volgarizzata qui: http://www.counterpunch.org/lichtman07292004.html
    Applicata alle ultime presidenziali Bush-Kerry.

    Fabio

    Lichtman,A.J. and V.I.Keilis-Borok, Aggregate-level analysis and prediction of midterm senatorial elections in the United States, 1974-1986. Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 1989, 86: 10176-10180.

    RispondiElimina