martedì 1 luglio 2008

Aforismi

Io, conoscendomi, se fossi il mio capo non mi sarei mai assunto

5 commenti:

  1. utente anonimo1 luglio 2008 22:17

    sbaglio o è una battuta vecchiotta di groucho marx? bè, il fatto che tu te la autoriferisca non può che essere positivo, significa che hai una coscienza. :)

    RispondiElimina
  2. Marx disse "non accetterei mai di far parte di un club che mi annoverasse tra i suoi membri" o qualcosa di simile. Picci, rielabora, e io estremizzo: "io, se fossi mia moglie, non mi avrei sposato"

    RispondiElimina
  3. Del resto, io, fossi stato la moglie di Picci, non avrei sposato neppure lui ...
    E soprattutto, fossi stato membro di un'associazione virtuale fondata da Picci tempo addietro, non avrei accettato di farne parte ....

    RispondiElimina
  4. Non mi pare di ricordare la stessa battuta da parte di G. Marx, ma come un mio noto collega universitario ben sa, ogni plagio avviene inavvertitamente, e' tutta un'osmosi di idee di cui non si sa bene...

    Tanto per continuare su questa linea di grande saggezza, vorrei aggiungere che "l'autocoscienza e' la base di ogni autoinganno".

    Non so che cosa voglia dire, ma "un aforisma e' la sua musicalita'" (oops! un auto-aforisma, anzi, un aforisma auto-cosciente).

    RispondiElimina
  5. utente anonimo2 luglio 2008 15:16

    Io, se fossi tua sorella, sarei preoccupata
    d*

    RispondiElimina